Cerca
  • cleliabastari

Dancemour seconda parte...

Energia, colore, materia, luce....

la parte con i colori materici è quella che sento più vicina, viscerale...

parte del mio percorso artistico da sempre...

ma la luce.. fa parte del mio percorso dal quale non riesco a sfuggire...

FOTOmodella...e non solo..vediamo tutto grazie alla luce.

Idea che mi era stata suggerita: proiezioni sul corpo.

Sì. Okay, le proiezioni possono essere uno studio interessante (per i fotografi che creeranno con me la performance :

La performance art, resa in italiano come performance d'arte o performance d'artista, è un'azione artistica, generalmente presentata ad un pubblico, che spesso investe aspetti di interdisciplinarità. Una performance o azione può essere scritta seguendo un copione o non scritta, casuale o orchestrata attentamente, spontanea o pianificata, con o senza coinvolgimento di pubblico. Una performance può inoltre essere eseguita dal vivo o presentata tramite dei media. Il performer può quindi essere anche assente nel momento della presentazione. Un'azione performativa coinvolge generalmente uno o più dei quattro elementi base: tempo, spazio, Il corpo del performer, o in alternativa la sua presenza in un medium, e la relazione fra il performer e il pubblico. La performance d'artista può essere fatta in qualsiasi luogo e senza limiti di durata. L'azione di un individuo o di un gruppo in un particolare luogo e in un particolare lasso temporale costituisce l'opera stessa. )...ma lo deve essere in primis per me..

"amo quest'attività" pensavo: lo faccio come lavoro, okay, cerco compromessi per viverci, come molti credo, ma non voglio snaturarmi...coltiverò l'amore che provo per le arti...quanto più posso...poi come sempre: non potrò essere capita da tutti... ma magari "come l'opera d'arte per chi riuscirà a coglierne il significato avrà un valore insetimabile!"

Ecco.

Scelsi di proiettarmi sul corpo opere d'arte che facessero al caso mio :

Vidi adatte le Bolle di sapone fotografate al macro dalla fotografa artista Jane Thomas ... ero indecisa ma dopo aver letto 2 righe della sua "storia" (https://hub09.it/blog/2012/03/28/genio-soap-opera-al-microscopio/) non ebbi più dubbi... le cose non nascono per caso! :)

Sembra retorica ma davvero dalle più grandi sofferenze può nascere il "Loto".

Inoltre pensavo alla "leggenda" : "In Giappone, quando un oggetto in ceramica si rompe, lo si ripara con l’oro, perché un vaso rotto può divenire ancora più bello di quanto già non lo fosse in origine."

Non voglio tediarvi oltre! ;)


ph Chiara Susini




0 visualizzazioni