Okay.

I was looking for a document on my computer.  A document which I’d written a while back that I wanted to insert here and now in a mail. Now.

But as with a lot of things, when you look for them you can never find them!

What’s more the hard disk where I had transferred everything wasn’t working ……..I’m hardly likely to find it again.

It was a “good story” …… Sadder than you might imagine……..because reality sometimes is stranger than fiction.  ..

Maybe I’ve subconsciously “removed” where I’ve saved it …….., I’m very good at removing, I think that the removal of pain is what saved me.

I needed to mail it now to free myself …….I don’t know if I can write that  “story” again …….it came out all by itself, with violence …

XXX

It spoke about an eighteen year old girl.  A girl, who, despite not having had a very happy life until then was, however, an energetic, determined person who never pulled back, never tired and saw a bright future ahead of her.

Something I hope is normal at that age!

She was attending the 4th year of Art School and apart from art, obviously, her great passion was dance, which she had studied for years and which gave her great satisfaction.

She was already thinking of what she wanted to do once she finished high school, the only certainty being that she would have continued in the artistic field. She was excited and unsure of which type of art to follow…….

But sometimes life chooses for you……

On 24th July 2002, alone, at home on a very hot summer’s day, she had a terrible headache, very strong, but didn’t worry unduly; she took a painkiller and decided to go to bed.

In a fraction of a second your life can totally change and you don’t even realise it…

The girl opened her eyes and thought that she had slept in an extremely uncomfortable position seeing that she couldn’t feel her right side; she absolutely had to get up and stretch herself to get rid of that unpleasant sensation………yeah………get up ……..seemed easy enough, but she fell from the bed as soon as she tried ……she must have slept in a really strange position, she thought ………God, what a sensation of pins and needles- no feeling!  She couldn’t get up off the floor.

From that moment she started to panic! ……She couldn’t get up off the floor, she couldn’t see properly from her right eye and her right side, all her right side was totally immobile, it gave no sign of movement, it seemed that it didn’t receive the “movement orders” given by the brain ….

She thought to call someone.  Her boyfriend, who was on holiday at home.

Her mobile wasn’t charged and so she dragged herself, pushing with her left side, to grab the cordless phone just to discover that …….this too hadn’t been charged and was lifeless.

The girl continued to drag herself on her left side till she reached the lounge, where she pulled the telephone cable to make it fall to the floor; the telephone was very old, the type that has the circular dial.

She placed the receiver between her shoulder and ear, and with her left index finger searched for the hole with the right number……ok ……the number…what number???  She couldn’t remember her boyfriend’s number, whom she’d been with for the last 4 years, the number which her finger did automatically considering the number of times it had been dialled………

Now real panic began to set in.  No, she dragged herself to get her mobile and dragged herself back to the lounge;  G.I. Jane had nothing on her!!!  (the power of desperation and the instinct for survival together with ignorance are truly amazing!!!)

She looked up the number and called.   The boyfriend’s mother answered and she said “it’s me, please pass him to me”; the girl was convinced that she had repeated this many times but her interlocutor  understood neither who it was nor what she wanted.  The mother said she couldn’t hear properly  “it’s me, please pass him to me”…maybe intuition, maybe the sound of her voice, in the end she passed the girl to him!  “ It’s me, please hurry, I’m paralyzed, I don’t know what’s wrong with me, just hurry!”  She didn’t know what he understood, but the fact is that, soon after, the doorbell rang and the girl thanked God also because she’d managed to reach the button to open the main door!

“What is it?” , “I don’t know, I can’t move, call the neighbour who’s a volunteer with the Red Cross”;  from the arrival of the neighbour who called 118 (ambulance emergency) the girl remembered nothing ………Her brain had coped with as much as it could.  She felt safe.  She disconnected.

When she opened her eyes…… that’s when HELL began. .

Suffocating white, confusion, blurring, shadows of people, white coats, drips…….

Well…..the girl doesn’t remember much of the first few days.

She asked herself what could have happened to her and why were her parents’ faces so desperate.

She thought that whatever the problem was, within a few weeks all would be solved.

It couldn’t be so serious, because:

1 _ it can’t happen to me! It always happens to somebody else!!!

2_ I’ve got so much to do I can’t afford to be ill!!

These were the thoughts of the eighteen year old girl who had always lived to the height of her possibilities.

The days passed, eternal…..she realised she was living a NIGHTMARE.

Immobile in bed….drip…her right side inactive…….scans, ……tests and more tests,   ……drip…….pills…….

…the right side doesn’t respond…..paresis……drip…….no movement….no feeling……..tests…….pills

Crying and crying …….endless…….desperate….in her neurology ward, the youngest patient must have been 60 ….everything seemed unreal ………she cried so much she thought she had no tears left ………..

Tests and more tests ……scans …. Pills……….drip………..

She was convinced she would wake up – it was only a bad dream.

It couldn’t be real……..

But she didn’t have time to go crazy, she had to draw, she was born to draw, use her body and her right side, anyhow, to create, model, paint ………it was written in her DNA, otherwise why was she still alive, if not for that?

An ischaemia in a part of the cerebral cortex in the  left hemisphere ………tests and more tests …….no one knows what could have caused it –   probably an embolism…….

Tests……still more tests ……she was so full of medicine and used to the tests that she now fell asleep during a scan …..nothing …..the cause could not be found …….until:

Econtransesophagy  (a test that, if you’ve never done it you can’t understand; only if you are told of the little tube going down the esophagus which is just slightly uncomfortable under local anaesthesia” can you accept the extreme atrocity of the thing…….but if one knew what it was really like they would never have it done)

The absurd suffering had served for something though – the girl was diagnosed with “Forame Ovale Pervico”, a cardiac anomaly in which the right atrium communicates with the left at the oval fossa level; this is common, necessary, during the foetal phase, but should close within the first year of life.

From that  “hole which hadn’t closed, the blood from the veins (bad, not oxygenated) had gone into the arteries (where the blood is good, oxygenated), the recirculation had formed an embolism, which had reached the brain, reached the micro-capillaries that get smaller and smaller, no longer able to pass, blocked the flow, maybe just for a fraction of a second; the fact remains that some brain cells of the cortex of the left side that coordinate the movement and feeling of the right side of the body, remained without oxygen and died.

They do not regenerate.

The only hope was that, being a young brain (and we use only a minimal part), the cells close to the “dead zone” could “learn the functions” once carried out by the “dead cells” and so begin to recover ……..

Nothing is sure ……..”medicine isn’t mathematical” ……”each brain, each organism reacts in its own way which can’t be predicted”, “you are a one in a million”, “lucky in your bad luck” “if it had happened while you were on stage dancing you wouldn’t be here to tell the story” “you can marginally recover up to 10 years from the ischaemic event” …the doctors,  “you have to resign yourself to the situation if you remain like this.  You just have to accept it”  a relative ……..@ _____@ …it wasn’t a dream …….the argument with he  who said the last phrase was real, my parents’ arguments were real, the immense and indescribable pain of my situation was more than real.

It is impossible to imagine what the girl went  through ……give up?  At 18?   NEVER.

Sitting in a wheelchair, looking out of the window of the neurology ward, she listened to the Ligabue album which had just been released; she listened to the words from her headphones “how’s it going out there” ….emblematic.   At the words “you were beautiful” at the phrase “you were full of life” the pain was too much …….the lyrics of “I want to want” made her cry so much she felt “emptied”.

Rehabilitation …drip ……pills …….tears ……pills …..drip…..rehabilitation …….

She looked at herself in the mirror, but distances and her perception of space weren’t reliable.  With great difficulty she raised her arm with the comb, but as soon as she tried to comb her hair, the comb fell from her hand; there was no feeling ……..

And with all the willpower in the world she couldn’t eat with her right hand; it was such a strain she lost her appetite ……….

She learned to stand up, to balance herself, to move, and very slowly, with the physiotherapist, learned how to go up and down the stairs ……really difficult.

The actions that we take for granted, do automatically, ande ignore because they seem so banal, like washing our teeth, unscrewing a lid or peeling a fruit, in that situation acquire a completely different meaning.   What is truly important is to be SELF SUFFICIENT.

They say that you always remember  when you were18 ……in this case nothing could be truer.

They say that suffering makes you a “deeper” person …. At the age of 18 I think that one could do without such depth!

But life doesn’t ask for “permission” ………

..  the girl had become so used to her days in the hospital …….the days were planned

Thermometer, breakfast, pills, medical visit, drip, lunch, pills, physiotherapy, dinner pills, barley coffee……sleep….she felt safe ….. she didn’t want to leave……..life outside wasn’t suitable for her …….if it had ever been before …….it certainly wasn’t now.

So when they told her she was ready to be dismissed she wanted to die.

Ready to go out ??????

 

But she couldn’t even write her signature!! (Writing is the most difficult common action).

They said she could leave because she was considered self sufficient.   She felt abandoned by God.

What really drives you crazy is “NOT KNOWING” IF and HOW MUCH you can “recuperate”.

She had her fifth year ahead of her.  After four years in an art school in which she had “spat blood”, given her soul and had totally believed in, she couldn’t give up without giving it her best shot.

She had a driving licence which she had obtained just one week before the “incident” …..she had to learn how to drive again …

She still had a life to live ……even if at times she thought it would have been better not to have one …

That year was certainly the most difficult of her  life.

Rehabilitation …school ….rehabilitation ….following the lessons of the fifth year of the Art School (ISA) ……then to going to the hospital, to the rehabilitation room where she filled in sheets of paper with circles and lines like in the first year of primary school ……..

In October she had to have a heart operation to “close the hole”….Thanks to the innovations in the field of surgery, they didn’t “open her”, but she was operated with a probe.

She had hoped that by closing the hole everything would returned as before the incident……..a hope without sense but real for her until, having had the operation, she understood that nothing could have made her return  to the way she was before.

She gave her all to recuperate and this avoided her going crazy.

To her the improvements seemed infinitely slow …….she had been so active before, definitely too active, therefore her recovery seemed unbearably slow…..but as long as this “recovery” continued it was a good and positive thing.

Day and night she did the colouring exercises which she had been taught in her first year, to regain familiarity with using her hand, arm, the pencil, the brush, the colours ….

Obviously, she couldn’t enrol in dance classes and she was exonerated from physical education classes ….. she suffered a lot for this ………

(she couldn’t look at dances, recitals, etc. because it hurt her too much).

While the others were in the gym having their lesson, she went out and sat on the swing and listened, with her headphones, to “When you know that words are no longer necessary, when you look for courage so as not to feel so bad, when you blame God or destiny or who knows what, because no one can explain why it happened to you”

A truly awful year.

 

 

She had concentrated entirely on school, so as not to go crazy, she did all she could to recuperate, to sit the exam like all the others ….and she did ….she came out with the best result and a thesis of 100 …ineffable.

Art had really saved her ….she had always had an original and open view of things, but at that moment in her life a “door had opened for her giving her an even superior sensitivity”.  She saw things in more depth, and she needed to express this, but words wouldn’t have been enough; body language, physicality, muscles and hard work were indispensable, too.  She had to free herself, relate, communicate with material, express pain and joy through pigments, spread the stucco with energetic and contrasting strokes, apply very diluted acrylics, so as to produce glazing upon glazing creating very particular shades to be discovered; the mural where she had realised her “work” had absorbed her body and soul.

A hard but beautiful experience.

But the “best” came after her maturity exam ….

EMPTINESS

Loss of direction, fear ….she would have to say goodbye to the fantastic people who had shared her journey ………..the end of her high school period was like a jump in the dark.  She had thought about successive schools ….about “detours” if her right side  didn’t collaborate …….

The weight of the ischaemic incident and the months gone by began to be felt soon after the exam ……..

Her right side had recovered about 80% of its movement and about 70% feeling ….for one year these were excellent results……..but for the person who had imposed their life on the precision and control of the right upper limb ……

Panic attacks, depression, anxiety ………she wouldn’t be able to study “away ”, she had to put aside any idea of studying “away from home”, like the Academy of Brera ……..

Her mission was to repossess, as much as possible, her right side.

She chose the International School of Comics; she had always liked it, but before the “incident” maybe she wouldn’t have chosen it as she really had a thousand other opportunities…….but now it was perfect, it was in Jesi and for her right side  comic strips would have been the perfect physio!!!

She reached the point were she was drawing 14 hours a day (no social life, which is not unusual for comic strip drawers) got tendonitis and more often than not forgot to eat!

She improved so much and felt so comfortable in that world that she seriously thought of doing it as a profession.

A thought that slowly, slowly she abandoned, due to her experience; the time, the commitment and work involved in preparing the plates were neither satisfying nor profitable!  The fact is that the 3 years of comic-strips and the fourth of manual and multi-medial colouring confirmed her passion for artistic expressive forms, made her understand that she was still able work manually in this field and allowed her to meet wonderful new people, new colleagues.  These years were also fundamental for her psychological recovery as well as physical; they confirmed her capability and passion for art, as a means of expression-communication, art in its many forms.  The young woman rediscovered her love for all forms of art in which she was able to express herself, she understood that she couldn’t limit herself to one sole sector, she rediscovered her Love for Life.

She recovered 100% mobility and 98% feeling.

The paraesthesia on the right side of the body (that 2%) will probably remain with her for life, even if she still has a three year margin for recovery.  “Externally” you can’t see anything.  It is something that won’t leave her, but one gets used to everything …she doesn’t even remember what it was like to have the same level of feeling on both sides of the body.

She could have asked for invalidity benefit, but she didn’t want to.  She wanted to feel like everybody else;  if anything, sometimes, for her want of doing,  she exceeds her limits, overdoes things and feels ill after.  She’ll have to learn not to give so much, not to give everything.

Willingness, the want to do things and kindness, in this world, are often misunderstood and devious people, in front of someone with these qualities, take advantage ….. but she has the intention to recognise and respect her limits because she is not at all ready to give up!!!

…. More or less this is the story I had written in that document which I lost

I wanted to share and speak openly about my “Incident”, because at last I am able to feel less pain and look at the “event” with a bit more detachment without being totally blown over by it.

I have understood that it isn’t a fault, I don’t have to hide it or feel ashamed, just the opposite.

It’s an important part of me.  A daily reality that can’t be cancelled.  I was reborn on 24 July 2002.  I was given this second chance which I don’t want to waste.

And at the end of this I add an enormous THANK YOU to all those extraordinary people who stood by me …. true friends …….thanks to those who don’t know me but believe in me …..

&

….to hell with  those who saw you X, to hell with those who wanted you X, and to hell with those who thought of you as …)”

Clelia


 

 

“Non prendere mai questa vita né poco né troppo sul serio”

Okay.

Stavo cercando nel computer un documento. Un documento che avevo scritto tempo fa.. che volevo inserire ora qui, in un post . Ora.

Ma come per molte cose, quando si cercano non si trovano!

Tanto più che, tra l’altro, mi era saltato il disco esterno dove avevo trasferito tutto .. figuriamoci se lo ritrovo.

..era un “bel racconto”…. Più triste di quanto si possa immaginare .. perché la realtà alle volte supera la fantasia.

Forse ho rimosso dove lo possa aver salvato …  sono molto brava a rimuovere, la rimozione del dolore credo mi abbia salvata.

Avevo bisogno di postarlo ora per liberarmi …. Non so se riesco a riscrivere quella “storia” … era venuta fuori da sola, con forza  …

Parlava  di una ragazza diciottenne.

Una ragazza che, nonostante non avesse avuto fino a quel momento una vita troppo felice, era comunque una persona energica, determinata, che non si tirava mai indietro, che non si stancava mai e vedeva il suo futuro colorato.

Cose che mi auguro siano comuni in quell’età!

Frequentava il 4° anno dell’Istituto d’Arte  e , oltre all’arte ovviamente, la sua grande passione era la danza , che studiava da anni e che le stava dando soddisfazioni.

Pensava già quale strada avrebbe potuto intraprendere terminata la scuola superiore, l’unica certezza  era che avrebbe proseguito nei campi artistici , era elettrizzata e molto indecisa sull’ arte da seguire …

Ma la vita alle volte sceglie per te.

Il 24 luglio del 2002, sola in casa in un caldissimo primo pomeriggio estivo, accusò un forte mal di testa , molto forte, ma non si preoccupò più di tanto, prese un antidolorifico e decise di mettersi al letto.

In una frazione di secondo può cambiarti totalmente la vita e non ce ne rendiamo assolutamente conto.

Aprì gli occhi e pensò , la ragazza , di aver dormito davvero  in una posizione scomodissima visto che non si sentiva più la parte destra,  doveva assolutamente alzarsi per sgranchirsi un po’ da quella fastidiosissima sensazione … già  …. Alzarsi …. Sembrava facile ,se non che, cadde dal letto appena provò ….

Doveva aver dormito davvero in una posizione pessima pensò …. Caspita che sensazione di formicolio-insensibilità davvero forte! Ma da terra non riuscì a rialzarsi .

Da lì cominciò ad arrivare il panico! … non riusciva ad alzarsi da terra , non vedeva bene dall’occhio destro e la parte destra, tutta la parte  destra era totalmente immobile, non dava nessun segno di movimento , sembrava non recepisse “l’ordine di muoversi” che le dava il cervello ….

Pensò di chiamare qualcuno. Il suo ragazzo che era in ferie.

Il cellulare non era carico, strisciò spingendosi con la parte sinistra fino al cordless  per scoprire che … non era stato messo sotto carica ed era scarico anche quello.

La ragazza strisciò spingendosi con la parte sinistra fino alla sala, dove tirò il filo del telefono per portarlo giù dal mobile, il telefono era molto vecchio,  di quelli che per fare il numero bisognava  girare la rotella.

Mise la cornetta tra spalla e orecchio, andò con l’indice sinistro a cercare il buchino giusto del numero … già  .. del numero … quale numero???

Non ricordava più il numero del suo ragazzo con cui stava da 4 anni.. numero che oramai il dito faceva in automatico da quante volte lo aveva composto …

Ora panico vero. Ma no, striscia ancora a prendere il cellulare e striscia ancora per tornare in sala ,soldato Jane le faceva un baffo!

(la forza della disperazione e l’istinto di sopravvivenza con l’inconsapevolezza sono davvero strabilianti!!!!)

Guardò il numero ; chiamò;  rispose la mamma del ragazzo e lei : ”sono io,  per favore passamelo”

la ragazza pensò di averlo ripetuto più volte ma la sua interlocutrice non capiva ne chi fosse dall’altra parte della cornetta, ne cosa volesse, diceva di non sentire bene  ..  ”sono io,  per favore passamelo”

.. forse intuì, forse il suono della voce,  fatto sta che glielo passò!

“Sono io per favore vieni subito che sono paralizzata, non so cos’ho ma vieni subito”.

Non so cosa lui capì di preciso, fatto sta che suonò dopo poco il campanello e la ragazza ringraziò Dio anche perché allungandosi arrivò al tasto di apertura del portone!

“Cos’hai?” , “Non so, non riesco a muovermi, chiama il vicino che fa il volontario alla croce rossa” … dall’arrivo del vicino che chiamò il 118 la ragazza non ricorda più nulla di quell’evento ….

Il suo cervello aveva fatto il possibile. Si sentì al sicuro. Staccò le connessioni.

Quando riaprì gli occhi … è da lì che iniziò l’INFERNO.

Bianco soffocante, confuso, ovattato ..  sagome di persone .. camici .. flebo ..

Mah … dei primi giorni la ragazza non ha gran che memoria.

Si chiedeva solo che mai poteva esserle successo e come mai le facce dei suoi genitori fossero sgomente..

Pensava che qualsiasi problema fosse, nel giro di poche settimane si sarebbe risolto.

Non poteva essere grave:

1 _ non può succedere a te! Capita sempre agli altri!!

2_ devo fare così tanto che non posso permettermi di stare male!!

Questi erano i pensieri della diciottenne che aveva sempre vissuto al massimo delle sue capacità.

I giorni passarono, eterni .. si rese conto di stare vivendo un  INCUBO.

Immobile al letto ..flebo..parte destra inerte..  tac.. risonanze.. esami su esami.. flebo.. pasticche ..

..parte destra  non risponde ..paresi  ..flebo.. niente movimento, niente sensibilità .. esami .. pasticche..

pianti su pianti .. infiniti .. disperati.. nel suo reparto, neurologia, il più giovane paziente avrà avuto 60 anni .. le sembrava davvero tutto surreale.. pianse così tanto da pensare che non avrebbe più avuto lacrime..

.. esami su esami ..      tac ..          pasticche  ..              flebo..

Era convinta che si sarebbe svegliata perché era solo un incubo.

Non poteva essere reale.

Ma non aveva tempo d’impazzire, doveva disegnare,  era nata per disegnare, usare il corpo e comunque la parte destra per creare, modellare, dipingere .. era scritto nel suo dna, quindi perché era rimasta viva se non  per quello?

Un’ischemia cerebrale in una zona della corteccia  nell’emisfero sinistro .. esami su esami .. non si riesce a capire da cosa possa essere derivata … probabilmente da embolia ..

esami .. ancora esami..  era talmente piena di farmaci e abituata agli esami che si addormentava dentro alla tac.. ..niente …. La causa non si trovava …. Fino a che:

Econtransesofagea  (esame che , se non lo si fa non si può capire ,   solo con “l’inganno del tubicino che scende con un piccolissimo fastidio lungo l’esofago  sotto  un po’ di anestesia locale”    puoi accettare l’atrocità estrema della cosa.. se uno sapesse a cosa va incontro non penso lo farebbe mai).

La sofferenza assurda era servita,  alla ragazza venne diagnosticato Il Forame Ovale Pervio, un’anomalia cardiaca in cui l’atrio destro comunica con il sinistro a livello della fossa ovale, che è comune, necessario, nella fase fetale , ma che si chiude entro il primo anno di vita.

Da “quel foro non chiuso, il sangue venoso (cattivo, non ossigenato) è andato in quello arterioso (buono, ossigenato), il ricircolo ha formato un embolo, che è arrivato al cervello, nei micro capillari cerebrali che si vanno man mano sempre più rimpicciolendo, non è più passato, ha ostruito il flusso, forse per una frazione di secondo, fatto sta che  alcune cellule cerebrali della corteccia del lato sinistro che coordinano il movimento e la sensibilità della parte destra del corpo , sono rimaste senza ossigeno e sono morte.

Non si rigenerano.

L’unica speranza era il fatto che ,essendo un cervello giovane (e ne utilizziamo solo una minima parte) , le cellule vicino alla “zona morta”, potessero “imparare le funzioni” che svolgevano le “vicine defunte” ,  iniziando così a recuperare le mancanze …

Niente di certo .. “la medicina non è la matematica”.. “ogni cervello , ogni organismo reagisce in un modo suo ed imprevedibile” , “sei stata una mosca bianca” , “fortunatissima nella sfiga”, “se ti prendeva sul palco finché stavi ballando non l’avresti raccontata” , “si può avere un margine di recupero fino a 10 anni circa dall’evento ischemico” ..i medici,  “bisogna che ti rassegni se rimani così? Devi fartene una ragione” era una parente …..   @___@ … non era un sogno … la lite con chi le disse  l’ultima frase fu reale, le liti dei miei erano reali ,  il dolore immenso indescrivibile della mia situazione era fin troppo reale.

Non ci si può fare un’idea di quello che la ragazza ha passato … rassegnarsi??    A 18 anni???      MAI.

Seduta sulla sedia a rotelle, affacciata alla finestra del reparto neurologia, ascoltava l’album di Ligabue uscito poco prima, guardando fuori, ascoltava dagli auricolari del lettore cd “fuori come va” .. emblematico. Sulle parole di “Eri bellissima” alla frase “eri sanissima” impazziva dal dolore …  il testo di  “voglio volere” le ha fatto versare così tante lacrime fino allo “svuotamento”.

Riabilitazione .. flebo .. pasticche .. lacrime .. pasticche ..flebo .. riabilitazione ..

Si guardava allo specchio, ma le distanze, la percezione dello spazio non era affidabile, con immensa fatica alzava il braccio con il pettine, ma appena provava a pettinarsi  il pettine cadeva di mano perché la sensibilità non c’era …..

anche con tutta la volontà non riusciva a mangiare con la mano destra , perché era talmente faticoso da far passare l’appetito …..

aveva imparato a rialzarsi in piedi , a stare in equilibrio, a muoversi pian piano e  via ,con la fisioterapista , ad imparare a salire e scendere le scale … davvero difficile.

Le azioni che si danno per scontate, che si fanno in automatico, a cui non diamo peso perché ormai ci sembrano banalissime , come lavarsi i denti , svitare un tappo  o sbucciare un frutto ,  in quella situazione acquistano totalmente un altro significato .  La cosa davvero importante è l’essere autosufficienti .

Si dice che i 18 anni si ricordano per tutta la vita ..   in questo caso niente di più vero.

Si dice che la sofferenza rende l’uomo più profondo .. a 18 anni si farebbe volentieri a meno di tanta profondità!

Ma la vita non ti chiede “il permesso” …

..  la ragazza si era talmente abituata alla vita dentro l’ospedale …     i giorni scanditi ..

termometro , colazione , pasticche, visita, flebo,  pranzo, pasticche, fisioterapia, cena, pasticche, orzo … dormire ..  si sentiva al sicuro … non voleva più uscire … la vita di fuori non era adatta a lei … se mai lo fosse stata prima , ora sicuramente non più.

Così quando le venne detto che era pronta per uscire si sentì morire.

Pronta per uscire?????

Ma non era nemmeno in grado di scrivere la propria firma!!  (Scrivere è l’azione comune  più difficile).

Poteva uscire perché considerata autosufficiente.    Si sentiva dimenticata da Dio .

Quello che davvero fa impazzire è il “NON SAPERE”  SE e QUANTO  si può “recuperare”.

Aveva un quinto anno da iniziare. Dopo 4 anni d’istituto d’arte in cui aveva “sputato sangue” dato anima e corpo  e creduto con tutta se stessa,  non poteva non portarlo a termine nel migliore dei modi.

Aveva una patente presa una settimana prima dell’”incidente” … doveva  re imparare a guidare …

Aveva ancora una vita … anche se pensò più e più volte che sarebbe stato meglio non averla più ….

Quell’anno è stato decisamente il più duro della sua vita.

Riabilitazione .. scuola .. riabilitazione .. seguire le lezioni del quinto anno ISA .. poi  andare all’ospedale nella sala per la riabilitazione dove soffrire per  riempire fogli a righe di cerchietti ed asticine come in prima elementare …

Ad ottobre si dovette operare al cuore per chiudere il foro … Grazie alle innovazioni sul campo della chirurgia ,  non l’hanno “aperta” ma è stata operata tramite sonda inguinale.

Aveva sperato che chiudendo il foro sarebbe tornato tutto come prima ….. speranza insensata ma reale finché, passato anche l’intervento , capì che niente avrebbe più potuto farla tornare come prima .

Si impegnò a mille per recuperare  e ciò le evitava di impazzire .

A lei i miglioramenti sembravano infinitamente lenti …. Prima conduceva uno stile di vita accelerato  , era decisamente troppo attiva , quindi le sembrava insopportabilmente lento il recupero … ma finché c’era era davvero una gran cosa.

Faceva giorno e notte esercizi di colorazione che venivano insegnati in primo, per riprendere familiarità con la mano, il braccio, la matita ,  il pennello , il colore  …

Ovviamente non poté  re iscriversi a danza  e fu esonerata da educazione fisica … Ne soffrì molto …(non potè più guardare balletti, saggi ecc. perchè le faceva troppo male)..

Finché gli altri erano dentro la palestra a fare lezione lei usciva , andava a sedersi  sull’altalena  ed ascoltava con gli auricolari   “Quando tutte le parole sai che non ti servon più  ,  quando sudi il tuo coraggio per non startene laggiù , quando tiri in mezzo Dio o il destino o chissà che  , che nessuno se lo spiega perché sia successo a te” …

Anno micidiale davvero.

Aveva puntato tutto sulla scuola,  per non impazzire, si impegnò al massimo per recuperare, per poter fare l’esame come tutti gli altri …. E ci riuscì …. Riuscì al meglio con un lavoro ed una tesi da 100 … Ineffabile.

L’arte l’aveva davvero salvata … aveva avuto sempre una visione delle cose abbastanza aperta ed originale, ma in quel momento della sua vita le si era davvero “aperto un varco con una sensibilità superiore”. Vedeva le cose in modo  più profondo , aveva bisogno di esternarlo , ma le parole non sarebbero bastate , anche il linguaggio del corpo , la fisicità, i muscoli, la fatica insomma, erano indispensabili. Doveva liberarsi , raccontare,  comunicando con la materia , esternando dolore e gioia tramite i pigmenti  ,  stendere lo stucco con spatolate energiche e contrastate, applicarvi sopra con la spugna acrilici molto diluiti, in modo da creare velature su velature che toccassero tonalità molto particolari “da scoprire” ,   il muro dove aveva realizzato l’”opera”  aveva assorbito corpo e anima della ragazza.

Sudata ma bellissima esperienza.

Ma il “bello” arrivò finito l’esame di maturità ….

Il VUOTO

Smarrimento, paura … le belle persone che avevano condiviso il suo percorso si sarebbero dovute salutare …  la fine del periodo delle superiori per lei fu come la sensazione di un salto nel vuoto. Aveva  pensato alle scuole successive … a “deviazioni” nel caso in cui la parte destra non avesse collaborato …

ma il peso dell’evento ischemico e dei mesi trascorsi si fece sentire a distanza di poco tempo dall’esame ….

La parte destra aveva recuperato  un 80 % sul movimento  e un 70% sulla sensibilità  … in un anno  sono risultati eccellenti .. ma per chi aveva impostato  la propria vita sulla precisione ed il controllo dell’arto superiore destro …..

attacchi di panico , depressione , ansia … non sarebbe riuscita ad andare a studiare “fuori” , dovette accantonare tutte le idee di andarsene “fuori” , tipo iscriversi all’Accademia di Brera ..

La sua missione vitale fu riappropriarsi il più possibile della sua parte destra.

Scelse la Scuola Internazionale di Comics , le era piaciuta da sempre, ma prima dell’”incidente” forse non l’avrebbe scelta perché aveva davvero mille opportunità .. ora era perfetta, aveva la sede a Jesi e per la parte destra , l’indirizzo Fumetto poi,  sarebbe stato davvero una grandissima palestra!!!

Arrivò a disegnare 14 ore al giorno (zero vita sociale , non proprio atipico per i fumettisti ^^) tanto da prendersi la tendinite e dimenticarsi di mangiare!

Migliorò così tanto ed entrò così in sintonia con quel mondo che pensò seriamente di fare quel lavoro.

Pensiero che pian piano abbandonò , per la sua esperienza ,  i tempi , l’impegno e la fatica messi per fare le tavole non valevano né la soddisfazione né tanto meno il guadagno!  Fatto è che sia i 3 anni di fumetto che il quarto di colorazione manuale e multimediale le hanno confermato la sua passione per le forme espressive artistiche , le hanno fatto scoprire  che era ancora in grado di lavorare manualmente in questi campi e le hanno fatto conoscere nuove belle persone, compagne di percorso . Questi anni sono stati fondamentali anche per la sua ripresa psicologica oltre che fisica , hanno confermato le sue capacità e la sua passione smodata per l’Arte, come mezzo  di espressione-comunicazione , l’Arte nelle molteplici forme.  La giovane donna ha riscoperto il suo Amore per  Tutte le arti in cui riesce ad esprimersi , ha capito di non riuscire a limitarsi e classificarsi in un solo settore, ha riscoperto l’Amore per la Vita.

Ha recuperato al 100% la mobilità e all’98% la sensibilità.

La parestesia sulla parte destra del corpo (quel 2% ) le rimarrà molto probabilmente a vita, anche se ha ancora 3 anni “di margine di recupero” .   Da “di fuori” non si vede nulla .  È un suo segno che non l’abbandonerà ,  ma ci si abitua a tutto … non ricorda più com’è avere lo stesso livello di sensibilità in entrambi le parti del corpo.

Avrebbe potuto fare domanda per l’invalidità, ma non ha voluto, proprio per sentirsi  come tutti, anzi, alle volte per la voglia di fare , le capita di superare i propri limiti, strafare  e sentirsi male poi. Dovrà imparare a non dare troppo, a non dare tutto.

La disponibilità, la voglia di fare e la gentilezza in questo mondo  vengono spesso fraintese o i furbi ,se si trovano davanti a una persona con queste qualità, ne approfittano … però lei è intenzionata a riconoscere e rispettare i propri limiti perché non è affatto disposta a mollare!!

…. In grandi linee era questa la storia che avevo scritto in quel documento che ho perso ..

Storia  che desideravo condividere per liberarmi e parlare apertamente del mio “incidente”, perché finalmente provo a sentire meno dolore e vedere con un po’ più di distacco la cosa senza esserne totalmente travolta.

Ho capito che non è una colpa, non lo devo nascondere o vergognarmi, anzi.

E’ parte significativa di me. Realtà quotidiana, indelebile. Sono nata una seconda volta il 24 luglio 2002. Ho avuto questa seconda possibilità che non voglio sprecare.

Alla fine di un post così aggiungo un

GRAZIE immenso a tutte le creature straordinarie che mi sono state vicine … semplicemente Amicizie Vere.. Eterne

grazie a chi non mi conosce ma crede in me ….

&

“alla faccia di chi M’ha visto X, alla faccia di chi Mi vuole X ,alla faccia di chi Mi pensa”  ;P

Clelia