… volevo condividere anche quì l’emozione di leggere i file che trovate scaricabini in pdf a questa pagine:  http://www.moomendamaprogetti.com/chi_siamo.html

estrapolati da “UN LAVORO CON LA DANZA. UN’ANTROPOLOGIA IMPLICITA” T.Santagostino

” Cosa possiamo mai davvero conoscere se ci manteniamo freddi e distaccati dalla sostanza umana dei comportamenti culturalmente diversi?” G.Tescari

“… proviamo a partire da quì per leggere l’esperienza di Contaminafro come un laboratorio performativo dove si sperimenta la relazione nella diversità attraverso il continuo rimando ai due poli di questa relazione, l’Io e l’Altro.” T.Santagostino

” ….. Attraverso questo esercizio si pongono degli ostacoli per favorire una riflessibilità sul sè che permette di lavorare ed esprimere se stessi con maggiore intensità. ……”

“Contaminafro: un’esperienza contemporanea a Milano”

“…. in quello spazio laboratoriale non si definiscono solo nuove tecniche coreohgrafiche ma si rielaborano nuove concezioni del se, del tempo e dello spazio. ….”

“La danza prosegue la sua energia anche dopo la sua esecuzione e ha bisogno che sedimenti nello spettatore come nell’esecutore…….”